Turismo ambientale

A poca distanza si trova il “Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna”. S. Sofia (a 7 km.) è uno degli ingressi con un centro visita molto interessante.
Il Parco, quasi interamente ricoperto di boschi, racchiude un patrimonio forestale tra i più antichi d’Europa, ricco dal punto di vista naturalistico e storico. Nel cuore del Parco troviamo la “Riserva integrale di Sasso Fratino”, che per la sua inaccessibilità, si è conservata nella più assoluta naturalità, candidata a diventare patrimonio dell’Unesco. Verso Nord le cascate dell’Acquacheta, immortalate da Dante nella Divina Commedia. Troviamo luoghi intrisi di spiritualità come l’Eremo di Camaldoli, i cui monaci hanno gestito per secoli queste foreste, il santuario de la Verna dove S. Francesco si ritirava in preghiera.
Molto suggestivo è anche il lago artificiale di Ridracoli, che offre nei mesi estivi la possibilità di belle escursioni in battello e passeggiate sulle sue rive. Segnaliamo l‘Idro Ecomuseo che valorizza questo territorio restituendo al visitatore un’immagine della sua biodiversità.

Per visitare il Parco è disponibile un’ampia documentazione con cartine e percorsi facilmente reperibili nei Centri Visita. Sono peraltro attive diverse associazioni di guide ambientali, che offrono in tutte le stagioni un’ampia gamma di escursioni. In particolare noi collaboriamo con l’Associazione Esploramontagne

la cascata dell’Acquacheta
il lago di Ridracoli
cima del Monte Falterona
la foresta verso il Passo della Bertesca

 

battello sul lago di Ridracoli
tracimazione della diga di Ridracoli